fbpx

Noce moscata, raffinata, dolce e afrodisiaca


La noce moscata, dal sapore caldo ed esotico, è una spezia alquanto comune ma dalla storia davvero avvincente.

Passata attraverso mille domini, è arrivata fino a noi per deliziarci all’interno di dolci, creme e molte ricette Made in Italy. Terza spezia…terza tappa del nostro Blog !

Questa volta il viaggio attraverso la conoscenza delle spezie, ci fa approdare sulle Isole Molucche in Indonesia.

Qui la storia della noce moscata ha inizio per poi farsi conoscere in tutto il mondo. Questa magnifica spezia esotica, dal passato un po’ turbolento, ci regala oggi sensazioni culinarie inconfondibili.

NOCE MOSCATA STORIA

La noce moscata è il seme di un albero: il “Myristica Fragrans”. Albero unico al mondo perché da esso si ricavano ben due spezie: la noce moscata e il macis. Conosciuta già più di 4000 anni fa, in Egitto se ne è trovata presenza in miscele utilizzate per l’imbalsamazione.

La spezia ha cominciato ad avere poi un enorme importanza intorno al 1500, per le sue proprietà antisettiche. (pare fosse un rimedio per oltre 100 malattie).

Una flotta portoghese, getta le ancore nell’arcipelago delle Isole Molucche e mette subito mano su questa preziosa spezia, denominata dagli autoctoni “occhio dell’uccello di fuoco”.

Isole Molluche Ketumbar

Isole Molluche – Indonesia

Fu così che i portoghesi prendono il monopolio sulla noce moscata cominciando a commercializzarla attraverso le vie marittime.

Cresce ovviamente la concorrenza e la noce moscata diventa protagonista di molte lotte sanguinarie passando di nazione in nazione sotto mille domini: dalla compagnia delle indie, agli olandesi, fino ai francesi. Come per il curry, molti indigeni furono sia uccisi sia deportati a causa del monopolio di questa spezia.

Diventa poi nota alla storia per le sue proprietà energizzanti, curative ed afrodisiache e per questo molto usata nella medicina tradizionale cinese e indiana.

In alcuni libri si narra di quanto, la noce moscata, sia una potente spezia afrodisiaca e di quanto nel 1700, divenne di moda tra i giovani benestanti portarne un po’ con sé. In una sacchetta con tanto di grattugia d’argento o di legno, la noce moscata veniva conservata per essere usata per un momento improvviso di convivialità o cosparso sul collo per sprigionare il suo aroma afrodisiaco!

NOCE MOSCATA IN CUCINA

Essendo molto dura, la noce moscata si può utilizzare unicamente grattuggiandola o macinandola. E’ la classica spezia che abbiamo tutti nelle nostre cucine.

Si potrebbero scrivere libri, libri…e ancora libri sull’utilizzo della noce moscata in cucina.

Qui in Italia è utilizzata molto per preparare purè, zuppe, il ripieno dei tortellini, salse e anche per i dolci. Nelle altre parti del mondo viene utilizzata per aromatizzare le bevande (come il punch e l’egg nog) per dare vigore a patate, pietanze con carne, uova, formaggi e verdure.

Mille preparazioni diverse con questa spezia unica….per un risultato con un unico comune denominatore: sapore intenso, vivo e inconfondibile !

Appuntamento alla prossima spezia..Stay tuned!!

 

 

 

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *