fbpx

Cocktail Rose: ricetta, preparazione e storia di un ottimo drink


L’estate impazza in città e per sopravvivere alla calda stagione i cocktail sono un metodo rinfrescante per trascorrere una bella serata in compagnia.  Ogni anno ne vengono proposti di nuovi, ma i classici non perdono mai il loro appeal, come il Cocktail Rose, un aperitivo molto profumato e dal gusto dolce e vellutato.

Il Cocktail Rose è un cocktail certificato Iba. La sua miscela composta da KirschVermouth Dry e sciroppo di fragole lo rende un aperitivo leggero e delicato.

Inoltre il Cocktail Rose è un cocktail da aperitivo molto profumato e dal gusto dolce e vellutato, che ricorda molto la ciliegia. Questo perché è uno dei pochi cocktail ad avere come base alcolica il Kirsch.

Il Kirsch è un’acquavite ricavata dalla macerazione delle ciliegie e utilizzata soprattutto in cucina, specialmente in Svizzera, unico paese nel quale esiste un consorzio a tutela e garanzia del prodotto originale.

COCKTAIL ROSE STORIA

 Il Cocktail Rose è stato uno dei più in voga a Parigi negli anni 20 e 30, epoca in cui venne creato e divulgato da Johnny Mitta al Chatham Bar di Parigi.

Questo è cio che afferma “The Artisty of Mixing Drinks” del 1936, ricettario molto autorevole redatto da Frank Meier del Ritz Hotel di Parigi.

Altre fonti invece sostengono che il Cocktail Rose venne creato nel 1445 durante la “Guerra delle due rose” combattuta tra i Lancaster, il quale emblema era una rosa rossa e la casa degli York, simboleggiata da una rosa bianca.

Qualunque sia la sua origine a noi è giunto un cocktail che convince al primo sorso!

 RICETTA E PREPARAZIONE

  • 3/4 cubetti di ghiaccio
  • 4 cl di Vermouth Dry
  • 2 cl di  Kirsch
  • 3 gocce di sciroppo di fragole

Mettere il ghiaccio e versare gli ingredienti nel Mixing Glass. Mescolare delicatamente e con l’aiuto di uno strainer versare in una coppa da cocktail.
Guarnire con una ciliegina al maraschino.

Questi e altri cocktail potete provarli al nostro Bio Aperitivo tutti i giorni dalle 18:30 alle 21!

Prenota

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *